Igea Barcellona: ecco le strategie di mercato

 

 

 

 

 

 

 

Mike Gizzi resterà alla corte di Bonina?

Mike Gizzi resterà alla corte di Bonina?

 

 

 

Si fa presto a fare nomi e a tirare le somme in chiave futura. Come consuetudine prevede, il beneficio del dubbio è caratteristica di inizio giugno sul fronte mercato e ci sta andando cauta, anche per questo. Coperto in tempo utile il posto vacante lasciato da Alberto Martelossi con l’arrivo in grande stile di Franco Gramenzi, adesso è ora di improntare un serio ed equilibrato lavoro dal punto di vista tecnico, che tra conferme e nuovi arrivi proietterà il team del Longano tra le pretendenti al prossimo salto in Legadue. Serve un’attenta analisi in tal logica e al momento appare ancora tutto in stand-by, anche se Franco Gramenzi, il diesse Santoro e la società stanno valutando varie opzioni sul fronte mercato. Quello che si conosce è la volontà della società che vorrà affidarsi ad un quintetto di prima fascia, con un play e un pivot di esperienza per poi fare affidamento su una guardia o un’ala tiratrice che possa garantire punti e minuti di elevata qualità. Andiamo per ruoli, cercando di non snaturare un disegno che al suo interno avvertirà l’esigenza di valutare anche il nodo “under”. Sembra finita l’esperienza giallorossa di Daro Gullo, play ex Patti (classe ’86 e quindi non più under), mentre appaiono in netto ribasso le quotazioni di Riccardo Coviello, classe 1988 di proprietà di Casale, e di Andrea Capitanelli, centro laziale (anche lui classe ’86). C’è da valutare che quest’anno il blocco under dovrà essere composto da almeno due ’89 e i restanti due dovranno oscillare tra l’89 e gli 87. I nomi accostati a Barcellona sono molteplici; si è parlato del neo scudettato Ganeto, ’87 di proprietà della Mens Sana Siena, ma il suo ingaggio oltre ad essere oneroso sembra di fattura piuttosto difficile, mentre tra poco tempo potrebbe essere d’attualità il nome di Paolo Rotondo, centro siracusano dell’89, quest’anno a Jesolo.
Sul fronte playmaker c’è da considerare che, alla luce della non riconferma di Gullo e dell’ipotetica conferma di Giacomo Mariani (ultimamente con molto mercato), come detto si dovrà scegliere un regista d’esperienza. I nomi li abbiamo annunciati tempo addietro e sono Gianluca Tomasiello (la società ha chiesto delucidazioni in merito alla sua posizione) e il talentuoso Francesco Guarino, quest’anno a Treviglio e pupillo del nuovo coach Gramenzi ai tempi di Veroli. Non è da escludere il nome di Daniele Parente che, causa una seconda parte di stagione sottotono, non ha trovato la riconferma nel Brindisi di Giovanni Perdichizzi ed è quindi sul mercato.
Per quanto concerne gli esterni va fatto un discorso a parte. Partendo dal presupposto che la società vuole trattenere sia Gizzi che Evangelisti (più quest’ultimo) , c’è da considerare che la volontà di coach Gramenzi è quella di non avere tante prime donne in roster. Per Evangelisti ci sarà bisogno di valutare il rinnovo del prestito con Pavia, proprietaria del suo cartellino, mentre per Gizzi si dovrà aspettare ancora molto.
Da indiscrezioni è arrivata la notizia di un contatto tra il suo agente e la società in merito al rinnovo e nella proposta messa sul piatto è venuto fuori pure il nome di John Pennisi, vecchio pallino della cordata giallorossa e contattato l’anno scorso, anche per volontà dell’ex tecnico Pippo Sidoti. Ancora è tutto da vedere, anche se anche qui appare chiara la volontà di creare un’asse play-pivot di notevole spessore.
E se il capitano Agostino Li Vecchi sembra uno dei pochi sicuri del proprio posto, vuoi per l’attaccamento alla maglia e vuoi per il suo indiscusso talento, resta da sciogliere la questione pivot, ancora in balia di ipotetiche gerarchie di mercato. Oltre a Pennisi, si sono fatti i nomi di Emanuele Rossi, anche lui a Treviglio, e di Mitchel Poletti, classe ’88 quest’anno nel retrocesso Fossombrone, ipotesi interessante in chiave “under” e di tangibile utilità nelle rotazioni dei lunghi. Il momento propizio per gli acquisti è ancora lontano, ma la società non sta ferma e le risposte alle voci potrebbero arrivare in un non lontano futuro.
Nel frattempo ci sono da considerare ulteriori aspetti, come lo sponsor che accompagnerà l’Igea nella stagione 2009/2010 (sembra che Bonina abbia quasi raggiunto un accordo importante) e l’avvio della campagna di azionariato popolare, che consentirà ai tifosi di rendersi più coinvolti all’interno delle dinamiche del team e alla società di essere il marchio di se stessa, autopubblicizzandosi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...