La Kodak annuncia: addio alla pellicola Kodachrome. Fine di un’epoca del fotogiornalismo

FONTE: PeaceReporter
kodak

Il National Geographic, nel 1985, pubblicò in copertina il volto di Sharbat PeshawarGula, la giovane afgana che Steve McCurry fotografò a Peshawar, in Pakistan, un anno prima.

Quella foto, destinata a diventare un’icona del fotogiornalismo, fu impressa su una pellicola Kodachrome.
Oggi, a 74 anni dalla nascita in casa Kodak, la sua longeva storia intrisa di colori e di avvenimenti, termina con un comunicato stampa ufficiale: “La gloriosa pellicola – ha affermato Mary Jane Herllyar, vice presidente esecutivo della Eastman Kodak Company – verrà ritirata definitivamente dal mercato entro la fine del 2009”.
Nel 1935, anno in cui la pellicola fece il suo debutto, la famosa agenzia fotografica Magnum non era ancora nata e Robert Capa si apprestava a documentare le sanguinose vicende della Guerra Civile Spagnola. Storia e scatti d’infinita bellezza sono stati impressi sul negativo Kodachrome.

Celebrare il tempo, trattenuto in chissà quanti chilometri di celluloide, è stato da sempre la meta di Kodak, pronta ad aprirsi al nuovo, ma capace di tributare al suo passato e a ciò che l’ha resa grande il giusto omaggio. L’azienda, donerà, infatti, gli ultimi rullini al George Eastman House International Museum of Photography and Film di Rochester, New York, che conserva la collezione più grande al mondo di fotocamere e artefatti correlati. McCurry, inoltre, farà delle foto con uno di questi ultimi rullini e le immagini entreranno a far parte della collezione.

La lenta debacle di un certo modo di sentire le cose, di un approccio ancora fisico con il mondo, non è che lo specchio della veloce corsa del nostro presente. Gli iniziatici rituali dello sviluppo, le borse piene di pellicole e il saggio centellinare gli scatti lasciano il posto alle memory card, ai pixels e voragini di bit. Agli gli irriducibili della fotografia analogica, però, Kodak offre ancora ottimo materiale, tra cui le pellicole Ektachrome E100G e Ektar 100.

La Kodak ha pubblicato una gallery degli scatti più belli impressi su una Kodachrome

One thought on “La Kodak annuncia: addio alla pellicola Kodachrome. Fine di un’epoca del fotogiornalismo

  1. “La lenta debacle di un certo modo di sentire lecose, di un approccio ancora fisico al mondo” è anche un modo di vedere le cose coi paraocchi. L’approccio fisico al mondo sopracitato tende a non considerare il fatto che quel modo fisico è molto limitante ed elitario. Non tutti potevano spendere e sprecare decine e decine di rullini prima di riuscira a padroneggiare lo strumento, come non tutti avevano la voglia, il tempo ed il budget per crearsi a casa una camera oscura.

    Adesso abbiamo spazio a sufficienza e possiamo finalmente scegliere quali scatti stampare e quali no, senza perdere nulla a livello qualitativo, ed avendo mille possibilità di editing postproduzione. Quando un pezzo di storia va in pensione non si può non ricordarlo con passione e malinconia, elencandone solo i lati positivi, ma siamo sicuri che soffe meglio?

    Secondo me, no.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...