Coen: “Con Barcellona serve compattezza”

coachPieroCoen
Cominciare la A dilettanti con il fardello della squalifica del campo per nove turni non è uno dei migliori auspici per il proprio futuro. Eppure, la Mazzeo San Severo non si è pianta addosso dopo gli accadimenti dello scorso campionato di B dilettanti (finale persa contro Agrigento) e ha accettato con entusiasmo il ripescaggio nella categoria a discapito della Pallacanestro Roseto, muovendosi bene sul mercato e  costruendo una squadra competitiva in ogni ruolo. 
Avverso ai nove turni comminati dal Giudice Sportivo, la società ha presentato ricorso alla camera di conciliazione e arbitrato presso il Coni, mentre per il campo di gioco ha presentato richiesta per disputarle sui parquet vicini la propria sede.
Le prime due giornate hanno evidenziato quanto di buona la società dei “neri” si è proposta in estate e nell’ordine ha vinto prima con Potenza e perso una partita già sua contro Sant’Antimo. Proprio da quest’ultima gara siamo partiti con l’analisi con coach Piero Coen (foto), definito un “sergente” nel suo mestiere.

di Mario Garofalo 

 

Coach Coen una partita, quella contro i campani, che per 35 minuti è stata affrontata con determinazione e forza, poi che cosa è successo?

“E’ successo che credevamo di avere già vinto. Loro sono stati bravi a recuperare in pochi minuti i nove punti di scarto e a restare concentrati. Quando ci siamo ripresi era troppo tardi e questo ci deve aprire gli occhi per il futuro. Siamo calati vistosamente sotto il profilo mentale, abbiamo cominciato a sbagliare tutto, soprattutto perdendo numerosi palloni ed abbiamo pagato sia a rimbalzo che in difesa”.

Prima di addentrarci al match di Ortona contro Barcellona, sarebbe il caso che Lei ci spiegasse come si fa a strutturare una stagione anche alla luce della squalifica del campo e della conseguente perdita della situazione di vantaggio dettata dal fattore campo.

“Abbiamo pensato solo a costruire una squadra di assoluto rispetto indipendentemente dal fatto di giocare dentro o fuori casa. Tramite le risorse a nostra disposizione ci siamo prefissati questo. Potevamo perdere anche tutte le partite in casa, anche se non resta un dubbio sul fatto che il fattore campo sia determinante, soprattutto per una squadra come la nostra. Aspettiamo che ci diano delle risposte, la camera di conciliazione ha preso del tempo per la decisione”.

Domenica San Severo sfida Barcellona. Come prosegue il lavoro settimanale? Rientreranno gli infortunati?

“Probabilmente potremo utilizzare Rugolo, ma ancora conviviamo con degli acciacchi come Cappanni. Non è un mettere le mani avanti, sappiamo che sarà dura a prescindere da questo. Barcellona è un team completo e lungo, inoltre devo ammettere che non ha punti deboli su cui giocare e basare la gara. Quello che dobbiamo fare noi è quello che dovremo fare ogni domenica, ovvero superarci. Non partiamo di certo battuti e giocheremo le nostre carte”.

Nel vostro roster figura un giocatore che l’anno passato ha calcato il parquet del Palalberti con la maglia del Barcellona: Nelson Rizzitiello.

“Nelson ha disputato due grandi partite e sicuramente è tra le nostre primissime scelte offensive. E’ un giocatore duttile e di carattere. In questo periodo,  in cui conviviamo con gli infortuni, lui ha ricoperto anche il ruolo di 4 con discreti risultati. Un professionista nel suo mestiere ed un giocatore fondamentale per noi”.

Sicuramente la sua squadra non è definita di “prima fascia” dagli addetti ai lavori. Lei che idea ha per il proseguo del torneo. Aspettative particolari?

“Siamo consapevoli che per far bene dovremo essere più compatti. Il campionato è durissimo e le altre squadre, oltre a non essere minori tra le minori, non regaleranno nulla. Non dobbiamo perdere il nostro passo e puntare dritto verso la salvezza. Abbiamo un’ottima squadra che deve crescere costantemente col tempo. Noi dobbiamo guardare il nostro brodo e non soffermarci sugli altri team, anche perché sarebbe riduttivo farlo adesso dopo solo due giornate”.

www.serieadilettanti.it

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...