Del Piero, tentazione Usa. Come Becks, ma a New York

Il capitano della Juventus a fine stagione potrebbe decidere di rimettersi in gioco nella Major League Soccer, come il fuoriclasse inglese, ma con i Red Bulls, uno degli avversari dei bianconeri nella tournèe programmata a fine stagione

VINOVO (Torino), 20 aprile 2010 – La tentazione è forte, il richiamo della bandiera a stelle e strisce potrebbe convincere Alessandro Del Piero a fare il grande salto negli Usa a fine stagione. L’idea è allettante, il capitano bianconero avrà tempo fino a giugno per prendere la sua decisione. Dopo aver fatto la storia della Juventus con 628 presenze in 17 stagioni, con 270 reti all’attivo in maglia bianconera, Del Piero potrebbe decidere di rimettersi in gioco, a 35 anni. E per farlo non ci sarebbe palcoscenico migliore della Red Bull Arena (22.500 posti) di Harrison (New Jersey), campo da gioco della formazione dei Red Bulls di New York.

Alessandro Del Piero con Zanetti. Ansa      
Alessandro Del Piero con Zanetti. Ansa

La tentazione — Dagli Stati Uniti ce la stanno mettendo tutta per convincere Ale: dal punto di vista economico il suo stipendio sarebbe in linea con quello della Juventus (il salary cap consente fino a due stipendi oltre il tetto massimo per ogni club), ma i contratti di sponsorizzazione molto più ricchi consentirebbero a Pinturicchio di raddoppiare gli introiti annuali percepiti in Italia. Soldi a parte, Del Piero è sempre stato un amante degli Stati Uniti, dove ha quasi sempre scelto di trascorrere le vacanze estive. Una scelta non solo professionale, ma anche di vita. La Major Soccer League è un’altra cosa rispetto alla serie A: meno stress, meno pressione, ma anche meno stimoli. Dopo aver vinto tutto con la Juventus, il ruolo di Del Piero sarebbe quello della star assoluta, un po’ come David Beckam ai Los Angeles Galaxy. Con la certezza assoluta di giocare sempre ed essere sempre sotto i riflettori, e non doversi conquistare la maglia da titolare, cosa che invece accade regolarmente a Torino da almeno 5 anni.

PROSPETTIVE DIRIGENZIALI E TOURNEE — Dopo 17 anni ad altissimi livelli con la Juventus l’anno sabbatico potrebbe consentire al capitano di tirare un po’ il fiato e cambiare prospettiva, prima di tornare a Torino e proseguire l’avventura in bianconero magari dietro ad una scrivania. A maggio la prova generale: la Juventus ha deciso di disputare una mini tournèe negli States a fine stagione, una della amichevoli sarà proprio contro la formazione i New York Red Bulls, il 23 maggio.

fonte: gazzetta.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...