Conosci l’arcobaleno?

Conosco quelle fantastiche diavolerie che regala l’amore, dai baci rubati al contatto passionale di due corpi alimentati dalla profondità e dal calore. Conosco le gesta, le infinite parabole emozionali, la lingua e la saliva, le carezze che regalano brividi, il gusto sincero e reale di una condivisione. Conosco le fusa, il viaggio mano nella mano, gli sguardi, le intese e le inevitabili criticità. Conosco la gelosia, il gesto estremo di un annebbiamento e l’accecamento. Conosco le pozzanghere delle incomprensioni, inaridite dalle distese di felicità che ne coltivano il giardino. Conosco l’istinto animale che produce la fame insaziabile di un continuo cercarsi, i fiori profumati, le calamite al frigo, i rettilinei e le curve percorse a marce alte. Conosco l’eleganza d’essere una cosa sola, i vestiti stropicciati di passione e la nudità di un sole estivo. Imparerò a conoscere anche questa pioggia, che non vedo l’ora che smetta. Profuma di te e viene sempre prima dell’arcobaleno

(m.gar) 06.08.16

Annunci

inDirettaMenteDallaStanza

L’alba colora i sogni
Torniamo a casa
Il cuscino farà il resto

Finisci il tuo caffè
Resta una sigaretta
Ormeggia l’orgoglio

È una distanza infinita
Sempre a marce basse
Arriviamo a destinazione

Lascia quel pigiama
Di rosso basta il mio
Piccoli dettagli blu

Polvere e Tv
libri come soprammobili
Porta vicino quei capelli

Metti su quel disco
Arrediamo l’ambiente
Gestiamo l’inquietudine

Parole e voglie
Capovolta la notte
Filosofie da bagno

Respiri secchi sul petto
Arti intrecciati
Limite sorpassato

Sembri la stessa
Scolorisco da grande
Vivo d’incanto

 

[il compromesso è d’obbligo..senza, la fine è una pozzanghera da camera]

mar.gar.