Echi d’autunno

Ai silenzi manca il rumore dei pensieri, perpetrati su di un ciglio che non conosce la ragione. Al vino si oppone il bicchiere, al buio il suo pallore, mentre il fumo corrode il colore di un foglio stropicciato dalla nuova stagione. La sintesi è un pasto divorato a morsi, consumato con la voracità di chi non predilige il gusto

(m.gar) 25.9.14

echi

CoMeTe

Conosco un tale che somiglia a te.
Ha preso in giro l’allegria con uno di quei stratagemmi che sanno di incantesimo.
Ha calamitato l’attenzione dei fiori e superato l’ideale di avvenenza.
Ha dormito sulle stelle senza aspettare la notte.
Ha anestetizzato l’illusione di dover filtrare il gusto.
Cosi come succede in sogno, così come accade in realtà
…ti riconosco come quel tale

(m.gar) 14.9.14