Avarìa

Ho scritto tanto, oltre la misura dettata dai pensieri. L’ho fatto per parecchio tempo, sforzandomi e quasi sempre in momenti poco adatti, molti dei quali hanno caratterizzato una sequenza simile a quella tracciata da un assiduo frequentatore delle zone meno illuminate dell’emisfero cerebrale. La consapevolezza ha superato l’immaginazione perchè tutto si muove velocemente e con una spinta superiore ed inversa all’impeto di un sogno. Così ho appurato il diniego ad una vita fatta di stronzate che, pur galleggiando ancora accanto alla mia felicità, non riescono più a scalfire l’ideale di bellezza, fatto di tutte quelle piccole cose che tanto infastidiscono il genere umano, troppo impegnato a ricercare lo straordinario o il bello di un’impresa eccezionale da puntellare di chicche al cospetto di uno schermo piatto. Può sembrare un paradosso, tuttavia il menefreghismo è una sorta di lavoro full-time che rinvia di molto la pura essenza del bello, un’avaria al motore che ne pregiudica il cammino.

(m.gar) 25.07.16

avaria motore

Annunci

LibrEttI

[ci sono libri che valgono più di 860 caratteri (spazi inclusi)]

[…] Scatole di varie forme, tutte intorno e senza una ragionevole disposizione se non quella d’agire da contraltare all’ordine della stanza. Alcune aperte, senza coperchio, altre chiuse nel proprio involucro di cartone. La sensazione era vivissima: dovevano essere trasportate, contenere qualcosa che possedeva un ricordo o più cose che dovevano essere consumate. Il sogno, il mio, era quello di aumentare disordine al loro disordine, strappandole al proprietario o romperle del tutto, nel vero senso del termine. Non c’era una via di fuga, come se stessero lì a ragione di protezione, come un cerchio provvisorio formato da un filo spinato che le difendeva dal pericolo. La salvaguardia presumeva un legittimo possesso, ma in fin dei conti non volevano altro che trovare un posto lontano da lì, sentirsi libere di non volere rotte le…scatole […]

(m.gar) 23.06.16

libretti

Fiori e Vite

Un fiore non vuol dire nulla
non significa niente
Un fiore che, staccato dal suo giardino, viene riposto nel cuore di chi è amato
Un fiore che dona la luce e col suo respiro profuma le vie che portano al sogno
Un fiore e una vita che continuano altrove il loro percorso
ancora più forti e più intensi di prima

(m.gar) 27.03.15

rosa rossa

Mare Mostrum

Oltre la speranza c’è un sogno deposto sopra la rabbia contenuta in barattoli di ostilità
Gridano sopra le terre occupate i padri delle generazioni dal futuro vile e sconosciuto
Mari in tempesta da riordinare al dubbio di corpi privi di parenti da consolare
Giacciano i pianti sommersi dalla ruggine di un mostro che non corrode l’illusione.

(m.gar) 25.9.14

maremossum

CoMeTe

Conosco un tale che somiglia a te.
Ha preso in giro l’allegria con uno di quei stratagemmi che sanno di incantesimo.
Ha calamitato l’attenzione dei fiori e superato l’ideale di avvenenza.
Ha dormito sulle stelle senza aspettare la notte.
Ha anestetizzato l’illusione di dover filtrare il gusto.
Cosi come succede in sogno, così come accade in realtà
…ti riconosco come quel tale

(m.gar) 14.9.14